Storia

Fascino e mistero aleggiano attorno alla nascita di Vitiano, un luogo antico, le cui origini si intrecciano tra storia e legenda.
L’imponente torre di avvistamento, costruita intorno all’anno Mille per volere del Clero, svetta su una collina (532 m. s.l.m.) dominando 5 regioni. Il suo ruolo originario è quello di controllare i flussi di pellegrini provenienti dalla Francia e dalla Germania che si dirigono verso Roma percorrendo la Via Francigena e la Via Romea Germanica.
Nel corso del XII secolo Vitiano diviene una delle residenze più importanti dei Cavalieri Templari.
Nel tardo Medioevo assume il ruolo di roccaforte a difesa dello Stato Vaticano, sotto il controllo diretto della nobile famiglia dei Monaldeschi della Cervara.
Successivamente, nel XVII secolo, Vitiano diviene patrimonio dei Principi Spada di Roma.
Oggi è proprietà della signora Marcella Patrizi che ha provveduto a restaurare e ristrutturare l’intero complesso mantenendo intatte le caratteristiche originali, curandolo in ogni minimo dettaglio ed arricchendolo con mobili ed oggetti d’epoca.
Vitiano si trova ad 1 chilometro da Castel Viscardo, a 12 chilometri da Orvieto, a circa 100 chilometri da Roma, Siena e Firenze.
La struttura, immersa in un’area di circa 3 ettari, è circondata da boschi e giardini di proprietà della stessa, che la avvolgono e la proteggono ed a cui si accede attraverso un’ ombreggiata strada privata.

Commenti chiusi